Sei convinto che il Marketing sia inutile? Come ideare strategie di marketing online per la tua attività?

Anche se il marketing tradizionale che ti hanno insegnato si concentra principalmente su meccanismi di persuasione e conversione, sarebbe meglio NON progettare la comunicazione basandosi su questi presupposti.

Hai mai pensato che invece di chiederti come il tuo prodotto/servizio potrebbe cambiare o migliorare la vita delle persone, potresti interrogarti su quale cambiamento IN REALTÀ la gente sta aspettando?

Individua 3 motivi per cui il tuo target sarebbe disposto ad abbandonare un concorrente per acquistare da te.

Una volta chiari questi valori differenzianti la strategia di marketing diventerà evidente.

E’ indubbio che le attività online, ormai da diversi anni, ricoprano per le Aziende un ruolo fondamentale e probabilmente per questo motivo gran parte di esse sono svolte da agenzie esterne.

Quindi, sorge l’esigenza di governare, verificare, controllare, indirizzare le attività delle agenzie affinché siano direttamente e/o indirettamente finalizzate all’ottenimento di risultati reali e, quando possibile, misurabili.

Perché ciò accada è necessario che l’azienda si doti principalmente di:

• Un piano strategico di web marketing (che tra le altre cose serve a stabilire i ruoli delle agenzie e le modalità di monitoraggio dei risultati).

• Un Web Marketing Manager (che sia in grado di ideare questo piano o, almeno, attuarlo, seguire i lavori, coordinare le agenzie e verificare i risultati).

In assenza di questi due elementi le agenzie, anche in buona fede, potrebbero agire autonomamente e in maniera scoordinata (o svogliata), quando in realtà dovrebbero solo ESEGUIRE le direttive del piano strategico aziendale che ne assegna ruoli precisi e circoscritti in funzione delle peculiarità e specializzazioni di ognuna.

Parlo di una figura che oltre ad occuparsi del mero controllo e coordinamento sia dotata anche di un minimo di intuizione per proporre nuove idee e piani di web marketing finalizzati all’incremento del business e predisporne l’implementazione.

In altre parole, io credo che ad un’azienda che punta in alto serva un web marketing manager che svolga dall’interno dell’azienda un ruolo indispensabile di coordinamento/verifica costante.

Si tratta di un professionista che deve conoscere alla perfezione l’azienda, partendo dai dati del CRM fino alle “virgole” delle newsletter inviate. Deve sapere tutto ciò che accade sui profili social e soprattutto “perchè” accade. Deve conoscere i motivi per cui su Google si acquistano alcune keyword invece di altre e decidere quali test effettuare, deve verificare che i siti funzionino e decidere eventuali modifiche orientate alla “vendita”, ecc.

Credo quindi che serva cercare e assumere al più presto una figura professionale di questo tipo che si occupi a tempo pieno del web marketing aziendale.

In estrema sintesi credo sia indispensabile che l’Azienda in questione possa essere il più possibile autonoma, almeno per quel che riguarda la pianificazione strategica, e non dipendente da terzi per quel fondamentale ruolo e ancor meno dalle agenzie.

Anche per le piccole aziende il succo non cambia.

Ho la fortuna di parlare con tanti imprenditori e ciò che percepisco, riguardo al web marketing, è spesso “confusione“, ovvero mancanza di informazioni realmente utili.

Per alcuni fare web marketing significa avere un sito/blog, per altri significa essere posizionato su Google, per altri ancora significa essere o “fare qualcosa” sui social network. In pochi sanno rispondere alla domanda: PERCHE’?

In pochi sanno come gli strumenti concorrono al raggiungimento di risultati reali, di numeri che contano.

Non conoscendo il motivo per cui è indispensabile nel loro caso specifico utilizzare uno strumento piuttosto che altri, spesso NON sono in grado di SCEGLIERE con cognizione di causa.

Su cosa basano le proprie scelte gli imprenditori?

PRIMA Intuiscono, leggono, sentono dire da qualcuno (chissà chi…) che è importante “essere social”, che è importante posizionarsi su Google, che è importante bla bla bla bla… insomma frasi a caso lette su giornali, riviste, libri, sentite da “cugini” e dai concorrenti (se lo fanno loro, allora…), ecc.

In altre parole, capiscono – vagamente – che il web è importante.

DOPO aver fatto propria la convinzione che il web in qualche modo, non si sa bene come, può portare vantaggi alla propria attività, si mettono in moto per cercare qualcuno che sappia utilizzare quegli strumenti che loro hanno sentito dire esser fondamentali per chiunque, sempre e in tutti i casi. Non hanno difficoltà a trovare qualcuno che faccia anche un buon lavoro, visto che l’offerta in questo ambito è ormai ENORME, ma non conoscendo le basi del web marketing strategico, anche in questo caso, si affidano al “sentito dire“, oppure (nel caso di grandi aziende) ai nomi “più conosciuti“, alle agenzie più importanti, oppure si lasciano consigliare da “qualcuno” (un collega, un amico, ecc.)… “conosci uno bravo che mi posiziona il sito su Google?“

Tutto ciò crea spesso un gap informativo/culturale tra domanda e offerta, tra l’imprenditore che intuisce l’importanza del web e l’agenzia che è specializzata in un ambito specifico e svolge spesso un ruolo puramente operativo (e sarebbe meglio continuasse a svolgere SOLO quello).

Questo gap dovrebbe esser colmato dall’azienda, dall’imprenditore (non dalle agenzie o consulenti esterni!) che dovrebbe dotarsi di qualcuno che comprenda alla perfezione le dinamiche del web marketing, sia in grado di progettare strategie e DELEGARE in maniera corretta e sensata, riuscendo a monitorare con precisione attività e risultati. Nelle aziende piccole questo ruolo potrebbe (e secondo me dovrebbe) esser svolto dall’imprenditore stesso, poiché influisce direttamente su ciò che in qualunque azienda conta sul serio: clienti e fatturati!

Attenzione, non sto dicendo che l’imprenditore dovrebbe farsi il sito da solo o progettare la campagne su Google, ma che almeno dovrebbe sapere che genere di sito può andar bene nel suo caso e il motivo per cui fare campagne su Google potrebbe portare risultati e come misurarli.

La strategia di web marketing deve esser svolta in azienda perchè NESSUNO può conoscere meglio dell’azienda stessa i propri clienti, prodotti, problemi, opportunità, ecc.

Se è l’azienda ad improvvisare? Ovviamente l’azienda che improvvisa un piano di web marketing senza sapere esattamente cosa sta facendo è ancor più problematica di un’agenzia che non fa bene il suo lavoro.

Il problema di molti imprenditori è un altro: non sono consapevoli di ciò che DAVVERO serva alla loro attività per acquisire clienti, e migliorare il proprio business, utilizzando internet.

Sono sopraffatti da un’offerta ormai ENORME e un’informazione (specie “pubblica”) a dir poco scadente e non sanno esattamente COSA SCEGLIERE e PERCHE’ USUFRUIRNE.

Scelgono e sbagliano.

Informazione e formazione SPECIFICHE per imprenditori in questo ambito SCARSEGGIANO, se non sono del tutto assenti, e la speranza è di poter, un pò alla volta, trovare una soluzione definitiva a questo problema e riuscire efficacemente a spiegare quella che ho, ironicamente, chiamato RICETTA.

 

“In natura sopravvive il più adatto. Nel business il più adatto é chi sa fare bene marketing. Lavorare 20 ore al giorno ti rende una persona onesta e degna di stima in quanto tale. Ma stop. Lavorare 20 ore al giorno, sgobbare nella maniera sbagliata non significa “farsi il culo”. Farsi il culo é innanzitutto un esercizio mentale. Nasce quando ogni giorno alzi la faccia dalla fresatrice o dall’argano e ti chiedi “cosa posso migliorare oggi nella mia azienda e come posso farlo”. Con le 20 ore al giorno, con la forza ignorante del mulo da soma puoi far sopravvivere la tua azienda se sei molto bravo e il vento non ti soffia contro. Ma servono ore dedicate al marketing e alla crescita tutti i giorni se non vuoi finire superato dalla concorrenza, sorpassato e infine dimenticato dal mercato. Quando pensi che lavorando come un mulo stupido stai “facendo il tuo dovere” per te e per i tuoi cari, ripensaci perché non é così”.

Frank Merenda

 

Non aspettare l’onda giusta: se nel tuo Business ci sono costi superflui che mangiano i tuoi ricavi, hai tantissime opzioni.

• Puoi incrementare la redditività
• Puoi incrementare la produttività
• Puoi ridurre i costi
• Puoi creare partnership

Sei fossilizzato a fare ciò che non funziona? Eliminalo e massimizza ciò che invece funziona. Parti dalla cosa più piccola, un passo alla volta.

Sei bloccato perché ti senti “escluso” dal mercato? Dimostra di essere unico, interagisci in maniera diversa.

Il tuo marketing è mediocre? Delega per un lavoro fatto bene. Segui il blog ufficiale di Energy Business Lab™ e scopri i segreti che i tuoi competitor non conoscono… prima che li scoprano loro!

👉 http://energybusinesslab.com

Entra nel Gruppo QUI’ https://m.facebook.com/groups/energybusinesslab